Go to Top

Cellulite questa sconosciuta

La cellulite è un problema diffusissimo che colpisce circa otto donne su dieci, in maniera più o meno grave. Interessa principalmente cosce, glutei e ginocchia; più raramente, addome e arti superiori. All’origine della cellulite c’è un insieme di cause genetiche, costituzionali, ormonali e vascolari, spesso aggravate da vita sedentaria, cattiva alimentazione, o da quelle condizioni caratterizzate da una ritenzione idrica marcata.

Il termine cellulite è un termine improprio in quanto in medicina, il suffisso “ite” sta ad indicare un processo flogistico. Il termine medico ritenuto più idoneo è pannicolopatiaedematofibrosclerotica.

La cellulite si sviluppa in tre fasi:

Edematosa: Caratterizzata da un accumulo di liquidi nel tessuto adiposo, soprattutto intorno alle caviglie, ai polpacci, alle cosce e alle braccia.

Fibrosa: Si ha aumento del tessuto connettivo che indurisce quello adiposo. È caratterizzato da piccoli noduli e dalla cute a buccia d’arancia.

Sclerotica: Il tessuto diventa duro e si formano noduli di grandi dimensioni. Molto dolente.

Esistono diversi tipi di cellulite:

la cellulite compatta, la cellulite flaccida e quella edematosa. Il primo tipo colpisce di preferenza soggetti in buona condizione fisica e con una muscolatura tonica, il secondo si manifesta specialmente in persone di mezza età, che hanno un tessuto ipotonico, il terzo si manifesta in associazione a quella compatta, si localizza prevalentemente sulla gamba, e rappresenta la conseguenza di patologie circolatorie. L’inestetismo della cellulite non va confuso con l’accumulo di adipe in alcuni punti corporei.

Infatti occorre fare una distinzione tra le adiposità localizzata, spesso definite impropriamente cellulite, in cui le cellule adipose sono perfettamente normali e non alterate, e la cellulite vera e propria in cui avviene un processo patologico.

I Rimedi

Il trattamento è mutidisciplinare e comprende variazioni dello stile di vita, il controllo dell’insufficienza venosa e/o linfatica, l’impiego di tecniche massoterapiche, il ricorso a diete personalizzate, l’utilizzo di trattamenti chirurgici e l’esecuzione di trattamenti medici, non chirurgici.

Carbossiterapia

La Carbossiterapia consiste nell’uso di Anidride Carbonica (CO2) a scopi terapeutici, somministrata per via sottocutanea attraverso una apparecchiatura che è in grado di erogare la CO2 in modo controllato (dosaggi e tempi di erogazione del gas). Studi clinici hanno evidenziato l’effetto lipolitico, il miglioramento del microcircolo, una positiva azione sull’elasticità cutanea e nella riduzione delle irregolarità cutanee causate dall’accumulo di tessuto adiposo.

La Carbossiterapia è una terapia sicura per il paziente, è atossica, non provoca embolia, non dà reazioni allergiche. La seduta dura 10 – 15 minuti circa, generalmente ben tollerata dalle pazienti, la CO2 viene iniettata con aghi piccolissimi; in genere si effettuano cicli di 10-15 sedute per poi effettuare sedute di mantenimento nel periodo successivo.

Mesoterapia

E’ uno dei primi e più famosi trattamenti proposti molti anni fa per il trattamento della “cellulite”. Consiste nell’nfiltrazione di farmaci con azione vasotonica, vasoattiva e lipolitica in sede molto superficiale sulla cute tramite piccolissimi aghi.
Un ciclo di mesoterapia prevede 10-15 sedute una o 2 volte alla settimana, con richiami a 3-4 settimane di distanza per il mantenimento dei risultati. La durata della seduta è di 5-10 minuti. Il trattamento è sempre ben tollerato. Può accadere che compaia qualche piccolo livido che si risolve in circa 2-3 giorni.

,

About MaxCalabro

Massimiliano Calabrò Svolge la sua attività professionale su tutto il territorio calabrese, la sede principale è a Cosenza, dove effettua consulenze e trattamenti di medicina estetica.